almancacco 2020 quadrato

Eccellenza - Fortis Juventus: Agatensi presenta il calendario ufficiale 2021!

Il Calendario 2021 Ufficiale della Fortis Juventus, realizzato in collaborazione con Almanacco del Calcio Toscano e Studio Mavi Il Calendario 2021 Ufficiale della Fortis Juventus, realizzato in collaborazione con Almanacco del Calcio Toscano e Studio Mavi

Una Fortis Juventus sempre più legata al territorio, sempre più espressione della sua comunità, ma con una voglia matta di tornare a calcare categorie che l'hanno vista protagonista per anni. Così fotografa il suo primo anno a Borgo San Lorenzo il direttore generale Andrea Agatensi, che presenta ai tifosi e al pubblico l'ultimo arrivato in casa biancoverde: il calendario ufficiale 2021 targato Fortis Juventus, che sarà possibile ritirare gratuitamente presso la sede della società da parte di tutti i tifosi e tesserati borghigiani.
"È un'iniziativa - spiega il d.g. ex Pontassieve - per noi importante, che dà lustro alla società e che ci consente di penetrare ancor di più nel territorio. Ma soprattutto è una iniziativa che in collaborazione con Almanacco del Calcio Toscano e Studio Mavi fa da preludio ad altre idee che abbiamo in mente e che stiamo sviluppando assieme alla testate più importante in Toscana per il calcio dilettanti. Presto annunceremo sorprese e un qualcosa che avevo in mente da tempo: credo infatti che se le cose le fai bene, ma non le sai comunicare nel miglior modo alla fine sprechi tanti sforzi. Invece è intenzione della società veicolare quanto più possibile le proprie attività e i propri messaggi attraverso gli strumenti più moderni, dal sito ufficiale ai canali social, e finanche ad altre iniziative editoriali che stiamo studiando con i nostri due partner appena citati. Sorprenderemo i nostri tifosi!".
Sono sette mesi che Andrea Agatensi è direttore generale della Fortis (e tutto lascia pensare che il matrimonio duri anche nella prossima stagione: a breve potrebbe arrivare l'annuncio ufficiale): che idea si è fatto dell'ambiente biancoverde?
"Ho trovato un ambiente con potenzialità esagerate! Qui si percepisce nell'aria una passione fuori dal comune: se a questa si abbina lavoro, gioco di squadra e professionalità, la Fortis può tornare a livelli importanti, dove è stata per anni. Credo che se ragioneremo con il "noi" e non con il semplice "io", ognuno chiaramente all'interno del proprio ruolo, si possa davvero realizzare qualcosa di importante. In tanti anni di calcio, non mi era mai capitato di incontrare una figura di presidente così giovane e passionale come Riccardo Broselli: siamo molto simili, le cose ce le diciamo in faccia e con lui si è subito instaurato un gran feeling con lui. E così è stato con Sgai, il responsabile del settore giovanile; ma devo dire che è stato così un po' con tutti i collaboratori della società".
Qual è la scarpa gusta della Fortis Juventus? La serie D?
"Stiamo cercando di riconquistare credibilità sul territorio, e non solo. Giustissimo avere una prima squadra che sia formata soprattutto da giocatori mugellani come è successo nelle ultime stagioni, ma nel futuro stiamo lavorando per poterci anche guardare un po' attorno: non può bastare essere la regine del Mugello, ma l'intenzione è di misurarsi anche con le realtà attorno pensando in grande. Come ho detto in precedenza, gli sforzi che stiamo facendo e che faremo sul piano della comunicazione sono tesi a creare sempre più un senso di appartenenza diffuso nella comunità: un bambino a Borgo, e anche nel Mugello, si deve identificare nella società biancoverde che ha davvero delle grandi potenzialità".

Scarica ora la nuova App dell'Almanacco del Calcio Toscano

Ordina qui il nuovo Almanacco del Calcio Toscano 2020