almancacco 2020 quadrato

Serie D Girone D - Le cronache di oggi domenica 7 marzo

L’Aglianese non va oltre il pari senza gol a Forlì contro un avversario in piena emergenza e con ben 7 quote in campo. Resta a distanza però il Fiorenzuola che strappa il pari a Bagnolo in Piano mentre torna alla vittoria (e al secondo posto) la Pro Livorno Sorgenti battendo in rimonta il Progresso. Ecco le cronache dei match di questa domenica:

Bagnolese-Fiorenzuola 2-2
BAGNOLESE: Auregli, Capiluppi, Calabretti, Faye, Bertozzini, Scappi, Cuoghi, Leonardi, Tzvetkov, Scarlata, Mhadhbi. A disp.: Ferrari, Dembacaj, Pane, Marani, Notari, Riccelli, Fumi, Montali, Silipo. All.: Gallicchio Claudio
FIORENZUOLA: Battaiola, Perseu, Guglieri, Zaccariello, Cavalli, Ferri, Michelotto, Stronati, Oneto, Bruschi, Esposito. A disp.: Ghidetti, Romeo, Potop, Facchini, Crotti, Marmiroli, Hathaway, Saia, Arrondini. All.: Tabbiani Luca
ARBITRO: Julio Milan Silvera di Valdarno
RETI: 4° Ferri, 11° Leonardi, 47° Leonardi, 87° Bruschi.
Il Fiorenzuola di mister Tabbiani impatta contro la Bagnolese per 2-2; pareggio che sa di vittoria però perchè i rossoneri terminano la gara in 9 contro 11. Le reti di Ferri e del solito Bruschi per il Fiorenzuola. Il Fiorenzuola di mister Tabbiani alla ricerca della quarta vittoria consecutiva nella delicata trasferta contro la Bagnolese. I rossoneri sono in solitaria al secondo posto in classifica alle spalle dell’Aglianese. La partita inizia subito col botto per i rossoneri; al 4′ sugli sviluppi di calcio d’angolo battuto da Bruschi, Ferri svetta e di testa trafigge il portiere dei locali portando il Fiorenzuola in vantaggio. Vantaggio che dura però pochi minuti perchè al 11′ è Leonardi a riportare la sfida in parità, sfruttando un traversone dalla sinistra. La partita è molto equilibrata, al 26′ Stronati ci prova con un gran tiro che si stampa sulla traversa sfiorando quello che sarebbe stato un grandissimo gol per i rossoneri. Occasione colossale a fine primo tempo sempre per Stronati che, servito in area solo davanti al portiere, non riesce a trovare la via del gol con il colpo di testa; primo tempo che termina sul punteggio di 1 a 1. Doccia fredda ad inizio secondo tempo per il Fiorenzuola; è ancora Leonardi, al 48′ con un grande inserimento, a battere Battaiola in diagonale sul secondo palo per il gol che ribalta la partita. I rossoneri cercano il gol del pareggio ma la Bagnolese si chiude molto bene spezzando il gioco della squadra di Tabbiani; per il Fiorenzuola partita non facile da recuperare. Dopodichè succede di tutto; il Fiorenzuola rimane in 9 uomini per la doppia espulsione di Esposito e Cavalli, entrambi dubbi. Allontanato anche il team manager Baldrighi. I rossoneri non si arrendono e con Bruschi all’86’ trovano il gol del pareggio, confermando la voglia e la determinazione della squadra di Tabbiani che sempre reagisce alla difficoltà. Il Fiorenzuola rischia anche di vincerla nel finale ma la partita termina sul 2-2; occasione persa per accorciare sulla vetta ma un punto che sa di orgoglio per i rossoneri di Tabbiani.
FONTE: piacenza24.eu

Forlì-Aglianese 0-0
FORLI: De Gori, Sedioli, Ferrari, Gkertsos, Piva, Croci, Marzocchi, Gigliotti, Ballardini, Giacobbi, Pera. A disp.: Stella, Bedei, Longobardi, Battaglia, Zabre, Tortori, Carlucci, Moukoum, Pavani. All.: Angelini Giuseppe
AGLIANESE: Carcani, Gasco, Righetti, Bianchi, Colombini, Panelli, Ballardini, Bangu, Brega, Kouko Zinon, Bellazzini. A disp.: Morandi, Coda, Remedi, Collecchi, Casanova, Silvano, Filieri, Duranti, Giordani. All.: Colombini Francesco
ARBITRO: Giorgio Bozzetto di Bergamo
l big match della ventunesima giornata del campionato nazionale Dilettanti tra Forlì e la capolista Aglianese finisce con un classico 0 a 0. Partita divertente e ben giocata da entrambe le squadre,  fatto sta che nessuna delle due è riuscita a prevalere sull'altra ma con i galletti che posso recriminare per le occasioni sciupate e per alcune decisioni arbitrali discutibili. Mister Angelini con la rosa ridotta all'osso mette in campo ben sette under con De Gori in porta, linea di difesa giovane ma granitica con Croci, Sedioli,  Giacobbi e Marzocchi,  centrocampo nelle mani di Ballardini Elia, Gigliotti, Piva e Gkertsos,  in attacco tutto il talento Ferrari e Pera. Partita subito viva e giocata con grande intensità da entrambe le squadre con il Forlì più guardingo e pronto a ripartire e una Aglianese alta alla ricerca della giocata vincente. La prima conclusione dell'incontro è di marca biancorossa al 7° con Pera che dai venti metri arma il destro e calcia ma Carcani blocca. Non tarda molto a carburare l'Aglianese e al 10° Bellazzini trova  lo spazio per servire Bangu al centro dell'area ma il tiro è ciabattato con De Gori che non corre pericoli. Al quarto proteste Forlì per l'ennesimo rigore abbastanza evidente non concesso nell'arco del campionato: Gigliotti in area viene contrastato in maniera fallosa da Kouko che lo atterra ma nè arbitro nè guardalinee a pochi passi ravvisano nulla lasciando correre tra le proteste. I neroverdi però sono una formazione esperta ed attrezzata e vanno anch'essi vicini al vantaggio prima con Brega al 19° che di testa non inquadra lo specchio e al 24° con Amedeo Ballardini che vede la sua conclusione deviata in corner. È un crescendo degli ospiti che prendono campo chiudendo la prima frazione in attacco e sciupando altre due buone occasioni entrambe con Kouko: la prima al 35° con l'attaccante Ivoriano che sul filo del fuorigioco salta De Gori allargandosi però il pallone, permettendo al portiere biancorosso di rientrare in porta e poi al 37° con un tiro potente che lambisce il palo. La ripresa non cambia con le due squadre determinate a fare bottino pieno offrendo una partita maschia senza esclusione di colpi; il primo però a farne le spese è Bianchi che viene espulso per doppia ammonizione lasciando così la squadra ospite in inferiorità numerica. Il Forlì ci crede e spinge forte sull'acceleratore creando pericoli in serie: ci prova Ferrari due volte al 61° e al 63° con poca fortuna; la stessa che non assiste il bomber biancorosso al 75° che si vede annullare l'ennesima rete del suo campionato per un off side inesistente e che avrebbe sbloccato il match. Angelini le tenta tutte inserendo le bocche da fuoco come Tortori e Longobardi e ancora una volta l'Aglianese trema ma si salva perché al 79°   Gigliotti inventa per Tortori che da dentro l'area calcia a botta sicura ma la palla sbatte sulla traversa,  rimbalza sulla linea ed esce tra l'incredulità di tutti. L'ultima emozione è ancora di marca biancorossa questa volta con Croci che pennella per la testa di Pera ma il suo colpo di testa finisce a lato di un soffio, spegnendo di fatto le speranze dei galletti di fare bottino pieno e sancendo così il definitivo 0-0.
FONTE: forlitoday.it

Mezzolara-Correggese 2-2
MEZZOLARA: Wangue, Barnabà (92’ Broglia), Dall’Osso, Maini, Rossi (79’ Rizzi), Musiani (71’ De Lucca), Artioli, Roselli (89’ Roda), Ferretti, Selleri, Sala. A disp.: Malagoli, Kharmoud, Albertini, Darraji, Seri. All.: Togni.
CORREGGESE: Sottoriva, Fabbri, Casini, Roma, Derjai, Calanca, Carrasco, Landi, Diallo (88’ Damiano), Villanova (20’ Ghizzardi), Muro (79’ Saporetti). A disp.: Ferretti, De Lucia, Sarzi, Manara, Cremonesi, Riccò. All.: Gori.
ARBITRO: Agostoni di Milano, coad. da Spizuoco e Citarda.
RETI: 16’ Diallo, 52’ Derjai, 62’ Ferretti, 96’ Roda.
NOTE: Ammoniti Wangue, Roselli, Ferretti, Ghizzardi. Angoli 5-3. Recupero 1’ +4’.
La Correggese esce dal campo del Mezzolara con tanta rabbia dopo che i padroni di casa sono riusciti ad agguantare il pareggio all’ultimo istante di gara. Quando i quattro minuti di recupero dati dal direttore di gara erano già terminati da oltre un minuto, il Mezzolara con Roda a riagguantato una partita che la Correggese aveva portato sul doppio vantaggio grazie alle reti di Diallo nel primo tempo e di Derjai nella ripresa. Ad accorciare le distanze per i bolognesi è stato Ferretti. Correggese che recrimina anche per il gol del possibile 3 a 1 annullato a Diallo per fuorigioco dello stesso attaccante su un cross di capitan Landi dalla linea di fondo. Pronti via e la Correggese è subito pericolosa in avanti sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto dalla destra da Villanova, con la sfera che colpita di testa da Derjai finisce sul palo a portiere battuto e poi in mischia i biancorossi non riescono a trovare la via della rete. Rete che arriva poco dopo con Diallo, al suo primo centro in maglia Correggese. Landi dalla destra trova Carrasco sul secondo palo, con l’attaccante biancorosso che salta più in alto di tutti e di testa fa la sponda per Diallo, con il numero 9 della Correggese che di sinistro di prima intenzione non lascia scampo al portiere dei bolognesi. Sotto di un gol i padroni di casa iniziano subito a portare tanti uomini in avanti, calciando tanti palloni verso l’area di rigore della Correggese, con la difesa biancorossa che riesce sempre a fare buona guardia e ogni volta che può prova ad innescare la velocità di Carrasco e Diallo. In un paio di occasioni Sottoriva dice di no a Ferretti, mentre sull’altro fronte i giocatori di mister Gori non riescono a sfruttare al meglio alcune ripartenze che potevano rivelarsi pericolose.  Nella seconda frazione di gioco la Correggese torna subito ad essere pericolosa in avanti, prima Derjai si vede ribattere un colpo di testa a botta sicura sugli sviluppi di un calcio d’angolo e, un minuto dopo sempre da calcio d’angolo è ancora Derjai a saltare più in alto di tutti e a mettere dentro il pallone del 2 a 0. Il doppio vantaggio della Correggese dura però solamente una decina di minuto perché al 17’ sugli sviluppi di un calcio di punizione Ferretti di testa batte Sottoriva e accorcia le distanze. Diminuito lo svantaggio i padroni di casa continuano a premere in avanti calciando tanti palloni verso l’area di rigore della Correggese, ma è proprio la Correggese ad essere più pericolosa, trovando anche la via della rete. Capitan Landi entra in area di rigore dalla destra e, arrivato sul fondo rientra sul sinistro e crossa al centro per Diallo che di testa mette il pallone in rete, ma mentre tutti stanno esultando il direttore di gara annulla il gol per una posizione di fuorigioco dello stesso Diallo segnalata dal secondo assistente. Superato lo spavento i padroni di casa provano a riportarsi in avanti senza però riuscire mai ad essere pericolosi ed è ancora la Correggese nell’ultima parte di gara a sfiorare il gol con Saporetti che di testa salta più in alto di tutti, ma quando la palla sembrava destinata in rete il portiere del Mezzolara riesce a deviare in angolo con un colpo di reni. Negli ultimi minuti la Correggese ha poi gestito il pallone in attesa del triplice fischio. Triplice fischio che dopo i 4’ di recupero concessi dall’arbitro non arriva e la partita prosegue con il Mezzolara che inizia l’azione con un rinvio dal fondo e, dopo che il pallone finisce in calcio d’angolo, i padroni di casa trovano ben oltre il 95’ il gol del definitivo 2 a 2 in mischia dopo che Sottoriva è ostacolato in uscita.  In casa Correggese rimane così solo tanta rabbia per una vittoria che sarebbe stata importantissima per i ragazzi di mister Gori, sfumata proprio all’ultimo secondo. Il tecnico della Correggese è un fiume di rabbia a fine partita: “La squadra ha fatto un’ottima partita contro una squadra forte in un campo difficile – ha sottolineato mister Gori -  creando diverse palle gol, come il palo a inizio partita, la rete annullata a Diallo e il salvataggio sul colpo di testa di Saporetti. Il rammarico più grande è che ancora una volta ci ritroviamo puniti per situazioni che non dipendono da noi”. Le proteste dopo il gol del pari del Mezzolara sono state tante: “L’arbitro ha dato 4’ di recupero e ne ha fatti giocare quasi sei – ha continuato il tecnico della Correggese – e il gol del pareggio è arrivato quasi al sesto minuto di recupero, per questo c’è tanta rabbia perché la partita doveva essere finita da oltre un minuto e noi avremmo portato a casa una vittoria meritata”. “Purtroppo quest’anno non è la prima volta che succede – ha concluso mister Gori – e io personalmente inizio a essere molto stanco di questa situazione”.
FONTE: correggese.it

Prolivorno Sorgenti-Progresso 2-1
PROLIVORNO SORGENTI: Vozza, Solimano, Petri, Carani, Salemmo, Filippi, Bachini, Costanzo, Granito, Matteoli, Casalini. A disp.: Rossi, Falleni D., Bartorelli, Brizzi, Turini, Brini, Mancini, Camarlinghi, Rossi G.. All.: Niccolai Matteo
PROGRESSO: Celeste, Mele, Grandini, Chmangui, Fiore, Gulinatti, Bonvicini, Bagatti, Vassallo, Marchetti, Esposito. A disp.: Tartaruga, Cocchi M., Maltoni, Matta, Cantelli, Monaco, Menarini, Rossi, Tanoh. All.: Moscariello Roberto
ARBITRO: Emanuele Tartarone di Frosinone
RETI: 45° Vassallo, 56° Matteoli, 73° Costanzo
Grande vittoria in rimonta per la Pro Livorno 1919 Sorgenti che supera in rimonta il Progresso, passato in vantaggio con un gol di Vassallo a coronamento di un primo tempo interpretato alla perfezione. Nella ripresa la PLS entra in campo con un altro ritmo ed un’altra decisione: prima Matteoli impatta e poi Costanzo firma il gol vittoria, come ciliegina sulla torta di una prestazione da applausi. I biancoverdi salgono al secondo posto a 39 punti insieme al Fiorenzuola che però ha due partite in meno e -5 dall’Aglianese (che deve recuperare una gara) fermata oggi sul pareggio a Forlì. Adesso sosta di 14 giorni e possibilità per i labronici di recuperare i tanti assenti per infortunio tra cui Blundo, Rossi e Camarlinghi. Niccolai conferma il classico 4-3-3 con Vozza in porta, Solimano a destra, Carani e Salemmo centrali e Petri a sinistra. In mezzo al campo Filippi fa il vertice basso, con Costanzo e Bachini ai lati. In avanti Matteoli a sinistra, Casalini a destra e Granito al centro. Partono fortissimo i biancoverdi con Matteoli che dopo neanche un giro di lancette, scappa via sulla sinistra e cerca di sorprendere Celeste sul primo palo, ma il portiere emiliano risponde presente. All’8′ si fanno vedere gli ospiti con Esposito che crossa da sinistra e trova il colpo di testa di Bagatti, ma la palla esce di poco. Occasione importante al 18′ per i locali: Casalini ruba palla a Grandini e vola in contropiede 3 contro 1, ma al momento del passaggio si fa intercettare l’assist per Matteoli e la chance sfuma. Al 33′ si fanno vedere i rossoblu con una punizione di Gulinatti sul secondo palo dove Fiore manda a lato. Al 39 si rompe l’equilibrio: cross da sinistra di Marchetti con la palla che attraversa tutta l’area e sul secondo palo Vassallo la spinge dentro indisturbato. I padroni di casa si lamentano in maniera veemente sostenendo che il tocco di Vassallo fosse con la mano, ma il direttore di gara convalida il gol. Nella ripresa fuori Bachini e dentro Brizzi, ma è tutta la PLS ad entrare in campo con un altro piglio e soprattutto con un’altra energia, anche complice il netto calo fisico degli ospiti che avevano speso moltissimo nel primo tempo. Nonostante questo, il Progresso al 51′ ha l’occasione clamorosa per il raddoppio: cross da sinistra che arriva su secondo palo a Rossi, conclusione a volo su cui Vassallo trova il tap-in da due metri, ma Salemmo mura miracolosamente sulla linea. E’ la svolta della partita perchè da lì i livornesi cambiano marcia, già al 53′ con Matteoli che salta tre uomini, ma uno volta entrato in area cerca il tiro da posizione defilata invece di servire i compagni in mezzo. Al 57′ il pareggio: Filippi per Granito che trova Matteoli, destro a giro sul secondo palo e 1-1. Ancora PLS al 62′ con Granito che allarga su Casalini, cross per lo stesso centravanti che conclude al volo, ma una deviazione di un difensore spinge la sfera in corner. Al 73′ si completa la rimonta locale: Costanzo si invola sulla destra, tira forte sul primo palo, dove Celeste si fa piegare le mani e la palla oltrepassa la linea di quel tanto che basta per rendere vano il rinvio di un difensore: 2-1 e situazione ribaltata. La reazione ospite è tutta in debole colpo di testa di Bagatti che esce di molto, mentre i labronici hanno la chance per chiuderla con Mancini che servito da Matteoli in contropiede, tira bene ma la palla sibila il palo a portiere battuto.
FONTE: labrosport.com

Scarica ora la nuova App dell'Almanacco del Calcio Toscano

Ordina qui il nuovo Almanacco del Calcio Toscano 2020