almancacco 2020 quadrato

ESCLUSIVO - Elia Guidotti (Fortis Juventus): "Travolto da una valanga d'affetto!"

Elia Guidotti riprende a correre al "Romanelli" di Borgo San Lorenzo Elia Guidotti riprende a correre al "Romanelli" di Borgo San Lorenzo

"Quando dopo tre settimane dall'incidente, ho finalmente potuto prendere coscienza di quanto accaduto e della sua gravità, ho acceso il telefono e mi sono trovato ben 758 messaggi da leggere! Una dimostrazione d'affetto che mia ha colpito e commosso: per questo voglio davvero ringraziare rutti, anche quelli a cui magari non ho risposto". Così Elia Guidotti (90), centravanti della Fortis Juventus, ricorda l'ultimo mese e mezzo della sua vita, cambiata radicalmente da quel giorno di fine settembre quando un inaspettato incidente sul lavoro gli causò gravi ustioni. L'attaccante mugellano ha trascorso 14 giorni sedato e intubato, poi le cose sono andate migliorando, anche più velocemente del previsto.
"Posso dire di stare bene adesso - dice Elia nell'intervista esclusiva che ha concesso ad almanaccocalciotoscano.it all'interno dell'impianto sportivo "Romanelli" di Borgo San Lorenzo - ma l'ho scampata bella! Adesso sto tornando alla normalità, posso riprendere il lavoro e le ustioni non hanno lasciato grandi segni su di me. È chiaro che un mese immobile a letto (e sedato e intubato per le prime due settimane) si fanno sentire. Ho ricominciato piano piano a camminare e oggi provo a correre un po': ho perso ben 10 kg in questo periodo e tutto il tono muscolare, mi ci vorrà tempo per tornare quello di prima, ma posso dire che tutto andrà bene. Ha raccolto in questi giorni le ultime analisi e tutto fila liscio: non ci sono più dati sballati, né infiammazioni o infezioni. Per come me l'avevano messa, sto recuperando velocemente. Calcisticamente parlando, la pausa per il Covid (sempre che si riprenda a gennaio o febbraio) gioca a mio favore perché mi permette di riprendere gradualmente e, spero, di tornare ad allenarmi con la squadra. Purtroppo la pandemia nel frattempo è tornata a stringere la sua morsa: io avendo passato quasi un mese negli ospedali, posso dire di essere stato fortunato anche in quel senso, ma la situazione è pesantissima a livello mondiale e non sarà facile uscirne. Ma bisogna essere positivi e io nel mio percorso l'ho imparato".
Circa un mese con la squadra, a settembre: che idea ti sei fatto della tua Fortis Juventus?
"Siamo forti e attrezzati: sono convinto che, se la situazione lo permetterà e torneremo a giocare, potremo lottare con Valdarno F.C. e Terranuova Traiana per la vittoria del campionato".
Facciamo un passo indietro: quale è il messaggio più bello che hai ricevuto quando hai potuto riprendere il telefono in mano?
"La prima cosa che mi viene in mente quando sono tornato in rianimazione a Borgo, sono stati i 758 (!) messaggi che ho trovato sul telefono: non me lo dimenticherò mai! Io non mi ero reso conto di essere stato 14 giorni intubato: una dimostrazione d'affetto incredibile. A qualcuno non ho risposto in tempi brevi e me ne scuso, ma è stata una cosa che mi ha dato una spinta straordinario. Ringrazio davvero tutti, amici e addetti ai lavori del calcio".
Nella scorsa stagione hai finalmente "assaggiato" la serie D: che ricordi hai dell'annata a San Giovanni Valdarno?
"E' stata una stagione bellissima, per me e per la squadra. Era un'esperienza che volevo fare per dimostrare soprattutto a me stesso che potevo "starci" in serie D: ho segnato 10 gol e soprattutto ho vissuto un ambiente, quello azzurro, davvero spettacolare. E si è confermato tale anche in questo periodo per i tanti messaggi d'affetto che mi sono arrivati in questo periodo".
E magari speri di tornare in D con la maglia della tua vita, quella della Fortis Juventus...
"Magari! Il sogno è quello e sono tornato con quell'obiettivo a Borgo: speriamo che il Covid non ce lo impedisca!".

Clicca qui per vedere il video dell'intervista integrale di Andrea L'Abbate

Scarica ora la nuova App dell'Almanacco del Calcio Toscano

Ordina qui il nuovo Almanacco del Calcio Toscano 2020